Accelerare la decarbonizzazione del settore trasporti per una ripresa sostenibile - lettera

L’appello delle principali associazioni ambientaliste al governo italiano: L'unico tipo di sostegno pubblico accettabile è quello che accelera l'adozione di soluzioni a emissioni zero per i trasporti pubblici e privati e che sostiene la mobilità attiva, il cui ruolo, vista la necessità di distanziamento fisico, diventa nelle città ancora più centrale.

Per questo chiediamo di:

  • Aumentare le risorse per il trasporto pubblico elettrificato e non destinare i fondi già stanziati nel Fondo Strategico Nazionale per la mobilità sostenibile all’acquisto di autobus diesel;
  • Aumentare le risorse per lo sviluppo della mobilità attiva nei centri urbani, quali piste ciclabili, pedonali e micro-mobilità elettrica, che favoriscono il rispetto del distanziamento;
  • Supportare l’acquisto di biciclette elettriche e la diffusione dei servizi di mobilità condivisa;
  • Assicurare che ogni incentivo pubblico destinato all’acquisto di automobili, che sia incentivo diretto/fiscale o legato a meccanismi di rottamazione, sia limitato ai veicoli a zero e basse emissioni; declinare inoltre gli incentivi sul reddito favorendo valori più elevati per famiglie a basso reddito e PMI;
  • Assicurare che nessun fondo pubblico venga destinato ai nuovi modelli diesel, benzina o gas, anche nella forma di credito d’imposta. I soldi dei contribuenti non devono essere usati per mettere in circolazione altri veicoli inquinanti;
  • Assicurare che eventuali piani di salvataggio per le imprese automobilistiche siano concessi solo a condizione che queste ultime si impegnino a 1) Mettere fine allo sviluppo di nuovi modelli a combustione interna al più tardi al 2025 e a 2) vendere solo veicoli a zero emissioni dal 2030 in poi;
  • Indirizzare gli stimoli di ripresa dell’industria alla produzione di veicoli elettrici, alla produzione di batterie sostenibili (inclusa la filiera di recupero, riuso e riciclo) e allo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica, che rappresentano modi rapidi per creare posti di lavoro sostenibili.